Tag

, , , , , , ,

May 2005, Bukhara, Uzbekistan --- Entrance to the Ark fortress, Bukhara, Uzbekistan --- Image by © Michele Falzone/JAI/Corbis

Il Castello Ark di Bukhara è una massiccia fortezza situata nella città di Bukhara , Uzbekistan , che è stato inizialmente costruito e occupato intorno al V secolo dC. Oltre ad essere una struttura militare, la fortezza Ark ha compreso quello che era essenzialmente una città che, durante gran parte della storia fortezza ‘, è stato abitato dalle varie corti reali che dominò la regione circostante Bukhara. L’Ark è stata utilizzata come fortezza fino a che cadde per la Russia nel 1920. Attualmente, l’Ark è un’attrazione turistica e ospita musei che copre la sua storia.Castello Ark

La foertezza è una grande fortificazione di terra situato nella parte nord-occidentale di Bukhara contemporanea. Nel layout assomiglia un rettangolo modificato, un po ‘allungata da ovest a est. Il perimetro delle pareti esterne è 789,6 metri (2.591 piedi), l’area racchiusa essendo 3.96 ettari (9,8 acri). L’altezza delle pareti varia da 16 a 20 metri (da 52 a 66 piedi).Castello Ark

L’ingresso cerimoniale nella cittadella è architettonicamente incorniciato da due torri del XVIII secolo. Le parti superiori delle torri sono collegate da una galleria, camere, terrazze. Una rampa graduale aumento conduce attraverso un portale argano-raise e un lungo corridoio coperto alla moschea di Dzhuma. Il corridoio coperto offre l’accesso ai magazzini e celle di prigione. Nel centro della fortezza Ark si trova un grande complesso di edifici, uno dei meglio conservati essendo la moschea di Ul’dukhtaron, che è collegato a leggende di quaranta ragazze torturati e gettati in un pozzo.

30 Aug 2006, Bukhara, Uzbekistan --- Uzbekistan, Bukhara, Ark fortress --- Image by © FotoS.A./Corbis

La leggenda vuole che il creatore del arca era l’eroe epico Siyavusha . Da giovane, ha nascosto nel ricco Paese oasi di Turana dalla sua matrigna. Siyavusha e la figlia del governatore locale di Afrosiaba innamorarono. Il padre della ragazza ha accettato di permettere loro di sposarsi, a condizione che Siyavusha dovrebbe prima costruire un palazzo nella zona delimitata da una pelle di toro, ovviamente intesa come un compito impossibile. Ma Siyavusha tagliare la pelle di toro in strisce sottili, collegati alle estremità, e all’interno di questo limite costruito il palazzo. (Questo è essenzialmente la leggenda classica di Dido e la fondazione di Cartagine, in Nord Africa, come registrato nell’antichità.)Castello Ark

La fortezza è costruita sui resti di strutture precedenti, che costituiscono uno strato di una ventina di metri di profondità sotto l’arco di base, gli strati che indicano che fortezze precedenti erano state costruite e distrutte sul sito, l’età della fortezza non è stata stabilita con precisione, ma dal 500 dC era già la residenza dei governanti locali. Qui, nella solidità della cittadella, ha vissuto gli emiri, il loro capo visir, capi militari e numerosi servitori, quando i soldati di Gengis Khan hanno preso Bukhara, gli abitanti della città hanno trovato rifugio nella fortezza, ma i conquistatori trucidarono i difensori e saccheggiarono la fortezza.IMG_1701

Durante la guerra civile russa , la fortezza Ark è stata fortemente danneggiata dalle truppe dell’Armata Rossa sotto il comando di Mikhail Frunze durante il 1920 Battaglia di Bukhara. Frunze diede ordine che la fortezza Ark fosse bombardata dagli aerei, che ha lasciando una grande parte della struttura in rovina.

UZBEKISTAN. Town of Bukhara. 2000. The Fortress Ark Citadel, once the residence of the Emirs is now a museum.

Vi è anche ragione di credere che l’ultimo emiro, Alim Khan(1880-1944), che fuggì in Afghanistan con il tesoro reale, e che ha ordinato che la fortezza Ark sia fatta saltare in aria in modo che i suoi luoghi segreti (in particolare il harem) non potevano essere profanate da i bolscevichi. Ed infatti nell’edificio harem ha subito gravi danni, essendo ridotte in macerie nella misura in cui gli archeologi furono incapaci di restauro.Castello Ark

Advertisements