Tag

, , , , , , , , ,

Castello di Saint'IlarioIl Castello di Sant’Ilario è un castello medievale del X secolo. Si trova sulla catena montuosa di Kyrenia, nei pressi dell’omonima città, a Cipro. Il castello è ben posizionato per sorvegliare la strada tra Kyrenia e Nicosia. Delle tre fortezze situate sulle montagne di Kyrenia, è la miglior preservato.Castello di Saint'Ilario

Sant’Ilario era originariamente un monastero, il cui nome proveniva da un monaco che presumibilmente aveva scelto il luogo, dove erano stati costruiti nel X secolo un monastero ed una chiesa, come suo eremo.Castello di Saint'Ilario

Il castello di Sant’Ilario il nome da un monaco eremita, San Ilario, che scappò dalla Terra Santa a seguito delle persecuzioni e, secondo la legenda, visse gli ultimi anni della sua vita sulle cime di questa montagna dove morì nel VIII Secolo AD.Castello di S.IlarioUna chiesa fu eretta sulla sua tomba, più tardi, nel X secolo, i bizantini costruirono un castello intorno all’area che divenne, con i castelli di Kantara e Bufavento, parte del sistema di avvistamento e di allarme contro i continui attacchi che i pirati arabi portavano su Cipro e la costa dell’anatolia tra il VII e il X secolo.Castello di S.Ilario

Dopo 400 anni dopo la sua costruzione, il castello divenne un rifugio e anche una residenza estiva per i regnanti Lusignani. Quando i Veneziani conquistarono Cipro nel 1489, per la difesa dell’Isola, essi preferirono contare su Kyrenia, Nicosia e Famagusta e St. Ilario entrò nel dimenticatoio.Castello di S.Ilario

Il Castello consisteva in tre livelli in diverse altitudini, ognuno di loro con le proprie cisterne di acqua, e magazzini, il primo e il più basso di essi per la guarnigione e i cavalli, esso iniziava con una propria entrata principale, le mura che era rinforzate da torri a forma di ferro di cavallo, che originariamente erano state costruite dai Bizantini nel XI secolo, i resti delle stalle dove gli animali venivano custoditi e le cisterne, riserve d’acqua di inestimabile valore durante i lunghi assedi medievali, sono tutt’oggi esistenti.Castello di S.Ilario

L’entrata principale del castello mediano, che consisteva di una chiesa, dei belvedere e gl appartamenti reali a quattro piani, era chiusa da un ponte levatoio. Della chiesa di S. Ilario l’apside è sopravissuta. Castello di Saint'IlarioIl refettorio che serviva da sala da pranzo per i notabili Lusignani è la camera più grande dei resti sopravvissuti. Al di là degli appartamenti reali, un grande per la raccolta dell’acqua piovana.Castello di S.Ilario

Dopo una ripida salita si accede al castello più alto attraverso un arcata di stile Lusignano con il posto di guardia, il cortile del castello più alto sotto la protezione naturale delle due sommità gemelle, qualche 730 mt sopra il livello del mare.Castello di Saint'Ilario

Questi due picchi sono all’origine del nome dato alla montagna, Didymos (ellenico per gemelli) da dove i crociati disdolsero la parola in i Dieu d’Amour. Due cisterne scavate nel cortile roccioso fornivano l’acqua al castello soprastante. Castello di Saint'IlarioLe camere nel lato est servivano come cucine e soggiorni, gli appartamenti reali occupavano la parte occidentale del cortile.Castello di S.Ilario

Annunci