Tag

, , , , , ,

Castello di Miasino

Il Castello di Miasino si trova in località Miasino in provincia di Novara, fatto erigere dalla famiglia Solaroli tra il 1867 e il 1889, il Castello di Miasino è stata per anni dimora privata per poi, negli ultimi anni essere aperta al pubblico per cerimonie e meeting. Sorprende per l’originalissimo stile architettonico, contraddistinto dal granito di Baveno rosa abbinato ai marmi pregiati.

Castello di Miasino

Il marchese Paolo Solaroli fu un personaggio emblematico del Risorgimento, oltre che in Italia, combatte in varie parti del mondo, dalla Spagna all’Egitto, fino in Crimea e in Birmania, fu un’italiano con una vita avventurosa, tanto che il romanziere Emilio Salgari si ispirò a lui nel creare il personaggio dell’avventuriero Yanez de Gomera, protagonista con il pirata malese Sandokan del ciclo di romanzi ambientati nel Borneo e nella giungla indiana.

Castello di Miasino

Tornato ricchissimo dalle Indie, acquistò dapprima il medioevale Castello di Briona, nei pressi di Novara, nella rocca, tuttora di proprietà dei Solaroli, fece trasferire la sua preziosa collezione di cimeli, armi, oggetti e ricordi della sua vita avventurosa.

Castello di MiasinoIn seguito, tra il 1867 e il 1889, fece edificare una sontuosa residenza di campagna sulle alture del lago d’Orta, l’attuale Castello di Miasino, la dimora sorprende per l’originalissimo stile architettonico, contraddistinto dal granito di Baveno rosa abbinato ai marmi pregiati. Di particolare interesse è la sala del Bertelli, caratterizzata da un imponente camino, dal soffitto a casettoni con il “Coro deli Angeli” del Bertelli, datato 1884.

Castello di Miasino

All’interno del castello i grandi saloni con camino, decorati da affreschi del Bertelli, le ampie verande e terrazze, offrono agli ospiti un raffinato ed esclusivo ambiente, ideale per la conversazione e la convivialità. L’eccellente e accurata organizzazione, l’alta professionalità di chef, maitre e sommeliers, assicurano agli ospiti un’elevata ed impeccabile qualità del servizio nei banchetti nuziali, partyes, pranzi e cene aziendali.

Castello di Miasino

Di particolare interesse è la sala del Bertelli, che presenta sul soffitto il dipinto “il coro degli Angeli”, il salotto panoramico, dal quale si gode di una favolosa vista sul lago e sul monte Rosa. La torretta, alla quale si accede attraverso una originalissima scala a chiocciola che sembra nata dal muro, permette di dominare tutto il Lago d’Orta.

Castello di Miasino

Particolarmente affascinante è la statua di S. Sofia, scolpita in un sasso e visibile nella sala d’ingresso del castello.

Castello di Miasino

Il piazzale d’ingresso è circondato da un sontuoso giardino con un’infinita varietà di piante tropicali ed alberi ad alto fusto tipici della vegetazione montana, intorno al castello si estende per 60.000 m² uno sconfinato e salubre parco botanico, popolato da numerosissime specie vegetali e animali tra le poderose querce e gli alberi secolari delle Alpi.

Castello di Miasino

Annunci