Tag

, , , , , , , , , , ,

 

Castello di Monasterolo di Saviliano

Il castello di Monasterolo di Savigliano di origine medievale ma rivisitato in varie epoche, sorge imponente nell’abitato del paese, con lo scalone d’accesso che introduce a sale preziosamente decorate.

Le prime citazioni di Monasterolo risalgono ad un documento del 907. Il nome del luogo deriva da un monastero benedettino, forse patrimonio di Nonantola, attorno al quale si formò il centro abitato.Castello di Monasterolo di Savigliano

Eretto nel XIII secolo dai marchesi di Busca, pervenne poco dopo ai Solaro, che con un matrimonio tra due rami della stessa famiglia diedero inizio al casato di Monasterolo e Casalgrasso.
La loro presenza si fa sentire soprattutto dal ‘600, quando avviano la trasformazione del castello in residenza signorile.

Distrutto durante le guerre del 1357-1363, che sconvolsero Monasterolo, il castello venne ricostruito dai Marchesi di Saluzzo. Risale infatti a questo periodo la massiccia struttura contemporanea, nonché le tre torrette angolari e la torre cilindrica di sud-ovest, unitamente al fossato perimetrale ed alla porta del “Rivellino”.

Castello di Monasterolo di Saluzzo

Nel 1378 fu acquistato dai Solaro di Asti, con versamento di “fiorini 13.000 d’oro di Fiorenza” al conte Amedeo VI di Savoia. Iniziò così il casato dei Solaro di Monasterolo, poi conti nel Seicento.

Nella primavera del 1630, l’esercito del cardinale Richelieu installò il campo a Monasterolo, in guerra con il duca sabaudo Carlo Emanuele I.

Il maniero dal Quattrocento al Settecento fu soggetto a numerosi lavori di ristrutturazione per ingentilire l’abitazione: l’aggiunta delle volte unghiate in alcuni ambienti, la costruzione della scenografica scala a tre rampe su pilastri e la copertura del tetto

Castello di Monasterolo di Savigliano

Risalgono proprio al ‘600 i pregevoli soffitti a cassettoni del piano nobile.

Al ‘700 sono invece attribuibili i decori rococò delle sale al secondo piano,
in particolare la squisita “Sala d’oro”, ricca di fini cesellature e di tele dipinte alle pareti. Lo stile di questa sala rivela l’uso del palazzo come piacevole dimora di campagna, cosiddetto “giardino di delizie”.

Castello di Monasterolo di Savigliano

Mentre sul retro del castello si apre un cortile, dirimpetto ad esso si staglia un edificio settecentesco, eretto dai Solaro come magazzino, su un lato del quale si nota la cappella di Maria del Santissimo Aiuto ai cristiani. A completare il complesso, sulla sinistra sorge la villa eretta nel ‘700 dai Solaro ed ora residenza privata dei conti Vittucci Righini di Sant’Albino.

Nel Novecento, la contessa Maria Solaro di Monasterolo, alienò il castello al comune di Monasterolo (1928).

Castello di Monasterolo di Savigliano

Annunci