Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Castello di Chouvigny

Il castello di Chouvigny è un castello a Chouvigny nella valle di Sioule nel Allier dipartimento di Francia.

All’entrata delle gole della valle di Sioule, passando per un canale, un capo roccioso la cui parte sinistra, staccata, si chiama il roc Armand. Se ne può raggiungere la cima con una scala scolpita nella roccia. Da qui si ha una bella vista a monte sulle gole dai versanti boscosi irti di punte granitiche e a valle sul castello di Chouvigny dall’imponente massa merlata.

l castello domina la valle del Sioule, in un punto in cui le gole , chiamate le gole de Chouvigny , ingrandire. Si trova a circa 300 metri a sud-est della città di Chouvigny. La strada che sale dal Sioule verso la città passa dietro il castello e serve come il suo ingresso.

Castello di Chouvigny

Castello di Chouvigny vecchi ricordi di un’epoca passata, è uno dei pochi gioielli di architettura militare medievale che si possono ancora ammirare oggi. Più di 750 anni dopo che è stato dato la sua forma attuale, guarda sempre al di sopra del Sioule gola arroccato su uno sperone roccioso che domina 87 metri del fiume.

Castello di Chouvigny

Il primo edificio   fortificato costruito c’era un castrum gallo-romana al tempo dell’antica Roma, che fa Chouvigny uno dei più antichi luoghi fortificati della Francia. A quel tempo, il ruolo dell’edificio era di mantenere la pace tra i popoli del Arverni e Biturgies, rispettivamente, occupando terreni che si trova in Sud e Nord Sioul, garantendo il passaggio nelle scanalature e mantenere il ordinare sulla strada romana che collegava le province Lyonnais e Combraille oggi intorno Montlucon e Bourges.

castello

Questo percorso esiste ancora oggi e passare sulla collina appena sopra il castello; si accede tramite una strada comunale.Il castrum è stato costruito da un ufficiale gallo-romano conosciuto poco, se non il suo nome Calvinius, dando il suo nome al suo campo ed è stato chiamato Calviniacum Fondis Calvini. Nella sua discendenza diretta ramo creato dei signori di Chouvigny, che ha tenuto questa proprietà fino al 1460. Chouvigny Il nome deriva dal nome di Calvinius derivato francesizzato e nel tempo. Così, i signori di Chouvigny sono stati chiamati Lords of Calviniaco di Chouvignet e Chauvigny prima di prendere il nome che conosciamo oggi.

Castello di Chouvigny

Fino a quando l’abolizione dei privilegi nell’agosto 1789, i signori di Chouvigny sono sempre stati il ​​diritto di alta, media e bassa giustizia sulla loro terra.La roccaforte di Chouvigny rimasta in possesso dei discendenti diretti di Calvinius tra 900 e 1400 anni (a seconda della data di costruzione del primo edificio, che è a noi sconosciuta), ma i proprietari, pur appartenendo alla stessa famiglia sempre erano particolarmente numerosi e hanno lasciato tracce intermittenza. Così, sappiamo che i Signori di Chouvigny fondata nel VI secolo Abbazia di Menat, uno dei più antichi stabilimenti monastici Auvergne. 

Castello di Chouvigny

Quindi, attendere cinque secoli per trovare un membro del settore: nel 1070, Blain Chouvigny Cavaliere, Signore di Nades, The Lysolle San Gal e Salpeyleine, corre con il figlio Claude e Roger alla prima crociata, ha lanciato da William, duca d’Aquitania e conte di Poitiers.Nel 1080, questi due scortare il figlio Arnauld Cavaliere Veauce lungo un pellegrinaggio a San Giacomo di Compostela, in cui detto Cavaliere sarà davanti a loro un numero di donazioni al monastero Ebreuil prima di morire.Si noti qui che il castello come possiamo vedere oggi, vale a dire, un complesso fortificato di stile medievale e non gallo-romana, apparsa nel 1250 sotto il regno di Luigi IX, dice Saint Louis .

Castello di Chouvigny

Questo è Guillaume di Chouvigny che è l’origine della sua costruzione: eredita il castrum e ne ha ordinato la sua conversione in una fortezza nello stile del tempo, pensando di difendere i solchi e garantire l’ordine.Nel 1281, durante il regno di Filippo III, Guillemin, figlio di Bertrand Chouvigny prende per moglie Catherine, l’unica figlia del barone Blot, creando il ramo Chouvigny Blot. Nel 1320, Guglielmo II Chouvigny giuramento di fedeltà a Filippo V, Sire de Bourbon. Nel 1346, durante il regno di Filippo VI di Valois, Philippe Chouvigny, Signore di San Gérand, Vaud e Valençon, fu fatto prigioniero nella battaglia di Crecy, prima di diventare ciambellano del duca Luigi II di Borbone nel 1359.A quel tempo, le funzioni difensive e regolamentari della decadenza del castello.

Castello di Chouvigny

Infatti, il comfort è considerato precario, e la sua utilità militare, come quasi zero in modo che, se un presidio rimane per tradizione, l’edificio in realtà non apprezzi la postazione militare. Si servono anche più né casa di famiglia, i signori di Chouvigny avendo acquisito altri campi più importanti nel resto del Bourbonnais. Inoltre, è bene che nel 1370, durante la Guerra dei Cent’anni, saccheggiatori facilmente sequestrato il castello, con la conseguente perdita di tutti i titoli per i quali abbiamo dovuto chiedere al re il permesso di ricostruire.

Castello di Chouvigny

Qui la linea dei Signori di Chouvigny diventa più accurato. Bertrand, William, Ugo, Andrea e Giovanni successione, l’ultimo superstite presso la sede di Cartagine dopo il matrimonio con Caterina d’Bressole e diede alla luce Isabeau Chouvigny, signora Nades. Ha sposato 3 nov 1409 Pierre de Montmorin, ciambellano del re e balivo di Saint-Pierre-le-Moutier. Hanno due figlie: Giovanni, che ha sposato Arthuse Lavieu nel 1455, e Frances, che sposò Jean Motier de La Fayette, portando dote il castello.Qui termina la discendenza diretta di Calvinius, con il matrimonio di Françoise de Montmorin 1460, e appare nello stesso matrimonio, il primo membro della famiglia La Fayette, grandi famiglie della nobiltà di origine Auvergne, che è in linea con il Castello di Chouvigny.

Castello di Chouvigny

Questo è l’inizio di una transizione difficile e turbolento tra le due famiglie che sono state più lunghe proprietari del castello.Sarà infatti attendere il 28 Luglio 1654 che il castello appartiene al ramo sostenibile Motier della famiglia La Fayette.Nel frattempo, passò nelle mani di Jean de Vienne nel 1493, di Aycelin Montaigut-Listenois nel 1500, e Louis de La Fayette, che riceverà dote di Anna, figlia di detti Aycelin Montaigut-Listenois . La figlia di Anna e Luigi de La Fayette, di nome Caterina, porta il dot castello Daillon Guy, conte di Lude, i cui discendenti conservano la roccaforte per più di un secolo. Nel 1640, durante il regno di Luigi XIII, François de La Fayette ha presentato un clamoroso ultimo proprietario del processo castello, una Frasne Conte Aven du Lude, il barone de Briançon, Signore Montaigut e Roche Savine, che ha Chouvigny dal 1631. Conte de La Fayette vanta l’eredità di feudi Chouvigny, Pontgibaud Nades e Espinasse.

Castello di Chouvigny

Dopo un processo durato quattordici anni e che hanno portato ad un accordo amichevole, egli rinuncia sue pretese sulla Pontgibaud e assegnato gli altri tre settori.Castello di Chouvigny ora quindi appartiene a François, comte de La Fayette, brigadiere degli eserciti del re. Sul suo matrimonio, ha detto che era Chouvigny Barone e Signore di Nades. Famiglia di La Fayette è quindi fortemente impiantato nel Bourbonnais e il castello rimase in loro possesso fino al 1734. Inoltre, il castello è anche conosciuto localmente come il “Vecchio Castello La Fayette” a Dopo aver seguito il lungo possesso della tenuta dalla famiglia di La Fayette e la reputazione di alcuni dei suoi membri. Tuttavia, non deve essere confuso con il Castello Chavagnac La Fayette, che si trova in Haute-Loire e il luogo di nascita del marchese de La Fayette.François de La Fayette, avendo così preso la famiglia a Daillon Lude poi hanno restituito, vi si trasferì dall’amore per la terra dei suoi antenati.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ha vissuto la sua terra e aveva piantato viti sulle piste che al momento l’orgoglio della zona. Madame de Sévigné, dopo aver trascorso le vacanze nel 1676 Chouvigny a far compagnia Madame de La Fayette, che era vicino, poi ha inviato una lettera alla figlia, conservato al castello, lodando “il vino buono che profuma la canna. ” Si dice che questo vino, Clos La Fayette, era un profumo di selce e nettare shimmer.Inoltre, se il Gilbert Motier Marchese de La Fayette, che divenne famosa durante la guerra d’indipendenza americana, la Rivoluzione francese e la Rivoluzione del 1830, non ha mai visto il castello Chouvigny venduto prima la sua nascita, i suoi antenati hanno a lungo occupato. Tutti i principali componenti della famiglia Motier de La Fayette sono a loro volta stati tra il 1654 e il 1734 sono di avervi risieduto o che sono stati invitati. Tra gli altri Motier François de La Fayette, vescovo di Limoges, e, naturalmente, Marie Madeleine Pioche de Lavergne, Contessa di La Fayette è diventato dopo il suo matrimonio con François de La Fayette.

Castello di Chouvigny

I ritratti del vescovo di Limoges e di Madame de La Fayette, con il giovane marchese de La Fayette, le pareti della sala VIP.È ben detto, morire di noia durante la luna di miele ha trascorso lì, è Chouvigny madame de La Fayette aveva scritto La Princesse de Clèves , un romanzo che possa accedere al notorietà riconosciuto come il primo romanzo psicologico della letteratura francese. È in ogni caso certo che la contessa non condivideva l’entusiasmo del marito per il castello Chouvigny, lei denigra con virulenza nello stesso conto della sua luna di miele.

Castello di Chouvigny

 Lei parla davvero “rovina smantellata” e “desolazione” e “castello fantasma”.Il figlio del conte e la contessa di La Fayette, René Armand, ereditò il feudo nel   1683. Sua figlia Marie Madeleine sposò nel 1706 Charles-Louis de La Trémoille, duca di Thouars e pari di Francia, che prende questo possesso occasione del castello. Il loro figlio, Armand-René, duca di Trémoille, primo gentiluomo del re Luigi XV, ereditò nel 1730. Disinteressato in questo settore nei suoi occhi troppo distanti, troppo insignificante, troppo vecchio e inutile, ha venduto il feudo, che termina il ramo Lafayette della baronia di Chouvigny. 16 aprile 1734, l’area diventa di proprietà di Chouvigny Ignace Nero, Esquire allora segretario del re del Presidial Moulins.

Castello di Chouvigny

Nel 1760, dopo la morte di Ignazio The Black è il figlio Pierre François Le Nero, decano della Grande Camera del Parlamento di Parigi, che ottiene il castello.Nel 1789, il feudo passò nelle mani di un uomo di nome Antoine Nero, Signore di Espinasse e Trévol. Mentre tutta la Francia è spazzata da venti rivoluzionario castello Chouvigny tranquillamente mettere il top della sua gola, ignaro cambia magistralmente il tempo sembrava imporre. Ancora oggi, la zona sembra essersi fermato il tempo intorno al 1250. Solo le finestre della sala VIP, merli mancanti un muro e alcune pareti rivestite di cemento hanno evidenziato, per gli intenditori di architettura medievale, diversi rimaneggiamenti che sono stati fatti fin dalla sua costruzione.Tuttavia, Antoine Nero, consapevole del pericolo che rappresentava per essere nobile in questi tempi difficili, hanno un favoloso tesoro nascosto dentro e intorno al castello con l’aiuto del suo servo che poi avrebbe ucciso per mantenere il Cache segreto.

Castello di Chouvigny

Fino ad oggi, il tesoro non si trova e la leggenda ancora in esecuzione.Nel 1797, sotto il Direttorio, il dominio Chouvigny è arbitrariamente assegnato a uno dei suoi potenziali eredi, Edme Gautier, di servire Alta barone. Questa famiglia manterrà la proprietà fino al 1853 In questa data, un personaggio straordinario entra nella storia del castello. Il duca de Morny. Grand-figlio naturale di Talleyrand, figlio naturale della Regina d’Olanda e Hortense de Beauharnais conte di Flahaut, presidente del Corpo legislativo, presidente del Consiglio Generale del Puy-de-Dôme, ministro dell’Interno durante il colpo di stato e fratellastro di Napoleone III, sposò la principessa russa Sophie Troubetzkoy, ha comprato il castello Chouvigny a fare una delle sue molte dimore. Egli ha anche acquistato i Nades dominio perché entrambi i feudi erano, al momento, non è mai stato distinto da un altro dato Calvinius.

 Castello di Chouvigny

Ha costruito il magnifico castello di Nades, una meraviglia di architettura dalla metà del XIX ° secolo e che rimane ancora oggi il dungeon, parco e laghetto.Charles de Morny, se è stato criticato per la compilazione delle finestre nella sala VIP, che portano la luce all’interno dell’edificio, mentre per i puristi che “giurano” con lo stile medievale, e hanno rasato alcune torri, tuttavia, ha avuto il grande merito di ripristinare la velocità e l’efficienza con il castello. Ha scritto anche il tratto di strada che collega il villaggio al castello Chouvigny. Ha fornito alcune parti e reso la zona un appuntamento di caccia. Si dice che fosse un luogo preferito per la duchessa Sophie de Morny.

Castello di Chouvigny

Gli eredi del duca di Morny venduto il castello Louis Paturet.Nel 1878, il barone Eugene Cadier Veauce, uno dei cui antenati aveva strofinato la famiglia Blain Chouvigny nel 1080, ha acquistato il castello cadde in rovina per duemila franchi al momento. 

Castello di ChouvignyNel 1885, la baronessa Jeanne Cornelia Valentine Wykersvoth di Werdesteyn Veauce, vedova del barone Veauce, a sua volta vende le rovine. Ultimo prezzo di 600 franchi, 1500 franchi vengono acquistati dal signor Pilastro, che lasciano il campo abbandonato fino al 1925. Quindi un acquirente presenta un certo signor Ruffenacht per trasformare il monumento in ristorante gourmet ma prima l’importo da investire abbandona rapidamente il suo progetto.Finalmente è arrivato nel 1945, un appassionato di nome Mr. Groslière redimere queste rovine Storia pesanti al fine di ripristinare, da solo e senza alcun sostegno pubblico. Il suo progetto non-profit richiede una lenta raccolta di tutta la documentazione necessaria. Questo spinge l’inizio della costruzione, iniziata nel settembre del 1960 con l’installazione di acqua corrente e termina nel 1966. Ha ricostruito la torre della prigione, una torre quadrata, torre di guardia, la torre di tesoro e cavalleria tribunale. La stampa locale e regionale loda con forza per intraprendere quello che tutti volevano ma nessuno osava finanza.

Castello di Chouvigny

Dal 1967, il castello è aperto al pubblico. Ha chiuso i battenti nel 1976 a causa di problemi di successione e resti abbandonati per otto anni restanti ringraziarvi di vandalismo e previsioni. I prossimi proprietari, il signor e la signora Sévérac, hanno fatto del loro meglio per risanare la zona e di riaprire al pubblico.

Oggi, i nuovi proprietari del castello Chouvigny sforzano di continuare il lavoro di tutti i loro predecessori, grandi o piccole, nella conservazione di questo gioiello architettonico, storia e cultura.

Castello di Chouvigny

Annunci