Tag

, , , , , , , , , , , , ,

Italien Südtirol Pustertal Bruneck Schloss Bruneck

 

Il castello di Brunico fu fatto costruire nel 1251 dal Principe Vescovo di Bressanone Bruno von Kirchberg. Dato che la Contea della Val Pusteria fu donata nel 1091 dall’imperatore Enrico IV ai Principi Vescovo di Bressanone che a loro volta andavano perdendo il potere temporale agli avvocati, i Conti di Tirolo, il castello fu costruito per preservare quello che gli era rimasto.

Diverse case hanno ancora oggi i muri del periodo della fondazione della città, nonostante siano passati diversi secoli.

castello-brunico

Il primo evento storico significativo si ebbe al castello quando nell’aprile 1460 il vescovo di Bressanone, cardinale Nikolaus von Kues (più noto con il nome di Nicolò Cusano) dovette rifugiarsi al maniero. Un’annosa lite con la badessa di Castel Badia, Verena von Stuben, gli aveva inimicato anche Sigismondo d’Austria, allora principe del Tirolo. Egli assediò il Cusano con 4000 fanti e 1000 cavalieri nel castello di Brunico, e lo lasciò solo dopo che ebbe firmato un trattato contro la sua volontà.

Italien Südtirol Pustertal Bruneck Schloss Bruneck

Il castello alloggiò spesso ospiti illustri: quando l’imperatore Massimiliano I d’Asburgo passò per la Val Pusteria diretto ai suoi nuovi possedimenti in Carinzia, soggiornò in città per una settimana, ospite al castello del vescovo melchior di Bressanone. Nel 1544 i figli dell’imperatore Ferdinando I vennero portati al sicuro al castello di Brunico per via della peste che imperversava nella valle dell’Inn. Nell’aprile del 1552 l’imperatore Carlo V vi si riposò dopo essere fuggito davanti al duca Maurizio I, Elettore di Sassonia. Infine nel 1738 la granduchessa Maria Teresa, futura imperatrice, benché alloggiata al palazzo Sternbach, fece visita al castello.

castello-brunico

Durante l’occupazione franco-bavarese, fra il 1805 e il 1812, il castello fu occupato dai militari ed i francesi fermarono con i cannoni dal colle del castello e dal castello stesso l’assalto dei contadini in rivolta. Dopo la sollevazione il castello ritornò al suo legittimo proprietario, il vescovo di Bressanone.

Più recentemente il castello vide ancora una volta un altro potente, l’imperatore Francesco Giuseppe visitò il maniero durante il suo soggiorno all’hotel Posta di Brunico, in occasione delle grandi manovre militari.

Il castello è quindi facilmente accessibile, con una passeggiata sopra una collina che si erige sopra la città. L’ingresso è costituito dal portone meridionale, dove un tempo si entrava grazie ad un ponte levatoio.

All’interno il castello ha un cortile con una torre circolare, dove una scala dà accesso agli ambienti superiori. Ai piani superiori si trovano alcune delle stanze vescovili, e anche una piccola cappella.

castello-brunico

Nell’ala di destra si sono gli alloggi dei vescovi, mentre nell’ala di sinistra si trovano l’appartamento dell’amministratore e gli alloggi del personale.

Nel 2011 Reinhold Messner ha ottenuto la possibilità di poter utilizzare un’ala del castello per 20 anni a titolo gratuito, per un’esposizione del suo Messner Mountain Museum. Reinhold Messner ha quindi inaugurato il suo quinto e ultimo museo della montagna.

Il Messner Mountain Museum , nato dalla passione di alpinista e Statesman Reinhold Messner, è dedicato a l’incontro dell’uomo con la montagna. Il complesso museale è costituito da cinque piccoli edifici museali situate in tutta le Alpi, ognuna con le singole mostre, tutte dedicate al rapporto intimo tra l’uomo e la montagna nel corso dei secoli e il mondo.

 

Ogni sviluppare un tema specifico: le persone, ghiaccio, rocce, il significato religioso dei picchi, e infine, nella suggestiva location del castello di Brunico, una panoramica del significato universale della montagna e della regione.

castello-brunico

Annunci