Tag

, , , , , , , , , ,

00006

Il castello di Wewelsburg è un castello situato nella località di Büren nella Renania Settentrionale-Vestfalia (Germania). Il castello ha la sagoma di un triangolo.

È conosciuto per essere stato dal 1934 il quartier generale (ed anche sede dei rituali) delle SS, scelto da Heinrich Himmler,

Il castello di Wewelsburg è stato costruito fra il 1603 e 1609 dal vescovo-principe di Paderborn Dietrich von Fürstenberg. Si trova in una frazione della città di Büren nel circondario di Paderborn, vicino a quello che si riteneva essere il luogo della Battaglia della foresta di Teutoburgo. La leggenda narra che all’interno delle mura del castello durante il 1600 migliaia di donne ritenute streghe sono state dapprima torturate e poi uccise. Nel 1802 il castello è passato sotto proprietà della Prussia e 13 anni dopo è stato colpito da un incendio che ne ha distrutto la Torre Nord.

00006

Nel 1925 il castello era stato ristrutturato per farne un museo, un ristorante ed un ostello – sei anni più tardi la Torre Nord cominciò a dare segni di cedimento strutturale tanto che furono approntati dei cavi di ancoraggio per evitarne il crollo. Nel 1934, dietro suggerimento di Karl Maria Wiligut, Heinrich Himmler firmò un contratto di affitto del castello per 100 anni per la cifra simbolica di 100 marchi con il circondario di Paderborn, inizialmente intendendo ristrutturare il castello per farne una “Reichsführerschule SS”, una scuola per i dirigenti nazisti (i cosiddetti SS “Führerkorps”).

00005

A partire dal 1936 Heinrich Himmler volle rafforzare il ruolo di Wewelsburg come centro rappresentativo e ideologico delle SS. Nel 1938,Siegfried Taubert fu incaricato di ristrutturare il castello. Pare che anche l’Ahnenerbe sia stata coinvolta nella fase di progettazione della ristrutturazione. In principio la RAD “Reichsarbeitsdienst” apportò le modifiche al castello. I prigionieri dei campi di concentramento di Niederhagen e della Sassonia furono usati per realizzare gran parte dei lavori fra il 1939 e 1943, sotto il controllo dell’architetto Hermann Bartels. Secondo i piani di Heinrich Himmler, il castello doveva essere il “centro del nuovo mondo” (“Zentrum der neuen Welt”) dopo la “vittoria finale”. Per questo motivo, era stata progettata la realizzazione di un muro circolare del diametro di un chilometro attorno al castello.

Wewelsburg / Burg

Nelle intenzioni di Himmler, il castello era il luogo dove far rinascere i Cavalieri della Tavola Rotonda, che dovevano essere impersonati da 12 ufficiali delle SS. Questi dodici cavalieri sarebbero stati il seguito di Himmler durante riti sconosciuti praticati all’interno del castello. Benché ci siano i presupposti per ritenere che questi incontri avvenissero regolarmente, l’unica riunione documentata è del giugno 1941.

00005

Il castello era la base spirituale di ogni membro delle SS: alla morte di uno degli ufficiali, le sue ceneri sarebbero dovute essere sepolte nel castello; similmente, qualunque destinatario di uno dei Totenkopfrings di Himmler doveva restituire il suo anello al castello nel momento della sua morte.

Quando si capì che la sconfitta era inevitabile, Himmler ordinò a Heinz Macher con 15 dei suoi uomini di distruggere il castello di Wewelsburg, solo due giorni prima che la 3ª Divisione di fanteria americana occupasse la zona. I rapporti militari variano dalla distruzione quasi completa al danneggiamento grave solo della torre nord.

00005

I danni della guerra furono presto riparati dopo che il territorio fu bonificato dagli esplosivi. Attualmente il castello ospita un ostello della gioventù ed un museo. Nel 2006 e nel 2007 ha ospitato l’annuale Internacia Seminario, un incontro della gioventù Esperantista.

Annunci