Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

007Castello di VAL ostruito nel XV, costruito nel XV è uno dei castelli meglio conservati e una delle più notevoli della Haute-Auvergne.
Questo imponente è fiancheggiato da sei torri coronate di merli e tetti ricoperti Pepper, che danno diverse copertine del tetto di un originale VAL colori shimmer.
Nel cortile, una cappella gotica (monumento storico), la XV è anche dedicata a San Biagio.
Si accede al castello attraverso un fasciato porta di ferro, il timpano è decorato con un bassorilievo in braccio fleurdelysées d’Estaing.
Una scala a chiocciola serve vari piani da un vestibolo, che, in origine, era un cortile interno senza tetto.

007
Il primo piano è composto da tre ampie camere il cui arredamento (soffitti e camini) risale alla metà del XIX secolo. Il secondo piano è riservato ogni anno, mostre di opere dei più grandi pittori contemporanei. Al piano superiore della passerella, scoprirete una splendida vista del lago. torri inquadratura è interessante per l’importanza e il lavoro dei suoi elementi. Precedentemente capoluogo di una baronia, appartenente alla famiglia di Thynières, VAL è stata venduta da Guglielmo di Thynières a Guillot d’Estaing, che intraprese la costruzione dell’attuale castello nel 1440 sulle fondamenta della vecchia fortezza.

ll nome deriva dal latino Val Vallis (Valle di larghezza). Gli fu dato invece la sua posizione sulla Dordogna. Come dimostra la presenza di due menhir, ormai estinti, e come evidenziato da numerosi tumuli ancora visibili in prossimità del Castello, la Val era abitata da tribù sedentarie del Neolitico.

??Nel gallo-romana, un Galli ricco aveva un ampio campo e la sua residenza, che è stato distrutto dal Alamanni, fu poi ricostruita nelle vicinanze. Questa azienda aveva quasi i limiti della Signoria di Val. vestigia di quell’epoca rimangono sigillate in Ies mura del Castello: Il visitatore attento vedrà due pietra scolpita in pietra arenaria, incassato nella parete della scala adiacente la cappella: uno rappresenta la ruota del sole, gli altri raggi di piegare svastiche, un simbolo di dio gallico Belenus molto venerato dai Arverni. Alla fine del gallo-romana, clima costringendo aristocrazia dinsécurité a cercare rifugio nelle fortificazioni, l’affioramento di scisto su cui sorge il castello era una posizione naturale, ideale per la creazione di una difesa a quel tempo era limitato ad un fortino di legno circondata da un recinto.

0001

Nel IX e X secolo, i Normanni fecero la loro comparsa e la loro ripetuti passaggi, e l’evoluzione di ordigni, ha reso necessaria la costruzione di fortificazioni. Così, Val è stato costruito con calce e sabbia, una torre, alta torre quadrata più vicino ai quattro angoli del contrafforti semicircolari. Resta il fatto che il vecchio portico, in cui la soglia è pari a più di 5 m dal suolo, che non mancava mai di creare problemi a tornare in fretta bovini e cavalli. La prigione era certamente circondato dalla sua costruzione di una recinzione, quindi più vicino al un altoparlante. Da questo forum, l’unico resto visibile è il muro di sostegno di spessore dello scalone. Per quanto riguarda la recinzione di fuori della prima linea di difesa, chiamato “pantaloni”, rimane più nulla, naturalmente, ma a bassa diga di acqua, è possibile vedere il sentiero scavato nella roccia e, a quel tempo era la passerella.

0001

Gli Thynières , diventano proprietari del Castello di Valle intorno al 1150, è iniziata nel XIII secolo per migliorare le fortificazioni. La prigione, quadrata, rettangolare, divenne poi è stato affiancato é sei torri due torri sono state costruite nel recinto. La porta di accesso alla piazza, allargata alla sua dimensioni attuali, era affiancata da due nuove torri nel fornire protezione. Le mura di XIII’siècle rimangono, soprattutto al giorno d’oggi: il lato della cappella ottagonale e il muro che unisce la torre angolare delle ultime fondamenta della torre di mattoni intorno all’entrata cancello.

0001

Per quanto riguarda il castello stesso, la sua voce è sparita, ma la presenza del barbacane, che ha difeso, ai piedi della scala, ha detto che era probabilmente nel round precedente a quello in cui la corrente di gate e che è stato distrutto. Come per le visite , ad eccezione di due, la parte inferiore è rimasta intatta divenne il fondamento del Castello d’Estaing. loro forma conica rafforza notevolmente le fondamenta del castello e ha permesso ai grandi sfere di pietra caduto slots rimbalzi fortemente gli aggressori. Come progettato, il Castello di Val Thynières hanno preso in considerazione i migliori principi dell’arte architettonica militare di questo periodo.

0001

Guillot d’Estaing ha acquisito, nel 1440 al Castello di Val Guillaume de Thynières in intrapreso la sua ricostruzione e diedero l’aspetto attuale. I costruttori del XV secolo il nuovo castello eretto sulle fondamenta delle Thynières Castello. Le basi della torre conica, sono stati utilizzati la base delle parti tenda della camera.Entrata castello gotico, il culmine della vasta scala, è stato costruito e chiuso da una porta di quercia di spessore è quella che vediamo oggi. Questa porta, inizia la scala a chiocciola che conduce ai diversi piani. Le finestre della facciata nord-ovest e sud-est (la meno vulnerabile) sono stati decorati con montanti da canoni del tempo. Con contro, sugli altri fronti erano decorate aperture molto piccole, che considerato un po ‘aggraziato, sono stati successivamente ampliata e abbellita.

0001

Le torri, dotate di merli, furono trafitti con feritoie che permettevano difensori di utilizzare, armi da fuoco sempre più diffuse. Essi erano sormontate da tetti conici cosiddetti “pepe”, svasato alla base, portando un tocco di eleganza a tutto l’edificio. Una passerella lungo le tende, Camere merli. Infine, la cappella è stata costruita, annidato in un recinto torre. Tutto il lavoro di XVII’ al XIX secolo poco influisce l’aspetto esterno del Castello d’Estaing, né la sua struttura interna. Non è la stessa per l’altoparlante, ormai praticamente scomparso. Solo la conservazione della cappella e gli allegati salvati del gioco che sono adiacenti tra cui la vecchia torre del XIII secolo posta alla foce della diga di accedere alla posta per l’isola. Per contro, il bel portale gotico d’Estaing è praticamente scomparso, tranne le torrette di base e le pareti che si tradurrà, che riflette la situazione di abbandono in cui il castello si trova al terzo secolo XV.

0001

La Fortezza di d’Estaing, nonostante la sua forza, la sua posizione e il suo design è stato non ha diritto a resistere al lungo assedio di un esercito dotato di attrezzi e armi più efficaci, perché garantito totalmente contro i suoi occupanti contro delle bande di briganti e avventurieri che si aggiravano l’Alvernia nei secoli XV e XVI. Il ritorno di ordine e sicurezza che hanno segnato il diciassettesimo e diciottesimo secolo ha portato a qualche disincanto con queste fortezze RUR birre che cadevano, alcune delle quali in rovina. lo Chateau de Val ƒC scattò questo destino e si ritorna in tutta la sua maestosità, l’atmosfera di quel tempo. Dobbiamo infatti imparare ad apprezzare la bellezza e la serenità di questo paesaggio da cui emerge quellesque sono stagionali, un’atmosfera romantica, una calda meridionale probabilmente dovuto al fatto che il castello fu ricostruito da d’Estaing nativo della Linguadoca, che ha portato il libro ad un armonia delle proporzioni che aumentano solo il sito pittoresco.

0001

Il signore del castello fino alla metà del XII secolo, un periodo in cui il castello divenne Val, per ragioni sconosciute, la proprietà della Thynières casa (che occupava un’altra fortezza con vista sul fiume Dordogne, a monte), uno quasi ignora qualsiasi dei loro predecessori, ma che il signore di Val sempre la persona più importante della Lanobre ed era un promotore della costruzione della chiesa del paese nei primi anni del XII secolo. Sono stati loro a costruire la fortezza di Duecento e la occuparono per quasi tre secoli. Thynières La famiglia goduto di una grande reputazione e molti dei suoi membri si distinsero nelle armi e gli ordini.

0001

Si raggiunse l’apice della sua fama nei primi anni del XV secolo, quando Pierre V, figlio di Guglielmo II morì (prob abilmente) nella battaglia di Agincourt. Guglielmo di Thynières che devono affrontare gravi problemi familiari, ha dovuto vendere la terra marzo 1440 e il Chateau de Val Guillaume IV d’Estaing ha detto Guillot. Si noti, tuttavia, che la vendita non copre la totalità del Signore, cioè Val, ma contro di esso comprendeva una porzione di terreno confinante Lanobre. Il risultato fu curioso che tutti i discendenti del compratore e il venditore che potevano fregiarsi del titolo di “Signore del Val e Lanobre in parte”. La Maison d’Estaing (1 440-l 660) Il nuovo proprietario del Castello apparteneva a una vecchia famiglia del Rouergue, che contava nel suo lignaggio un certo Pierre d’Estaing, quest’ultimo ha salvato la vita di re Filippo Augusto di Francia presso la Battaglia di Bouvin es nel 1214. Questa impresa gli valse le armi, ei suoi discendenti, l’onore, sulla cresta della famiglia, giglio di Francia. Guillot d’Estaing poi ricostruito il castello, che dal 1450 è stato completato e la cappella. Seguì poi generazioni di d ‘ Estaing, che, nonostante le vicissitudini della storia o per causa loro, erano in grado di mantenere le loro famiglie un prospero e ben noto, il Castello, la sua brillantezza. Non fino al secolo XVII Joachim d’Estaing, sapendo qualche difficoltà, ha dovuto vendere la proprietà dei suoi antenati. Il 15 maggio 1660, Joachim d’Estaing ha venduto il castello e la signoria di Val Peter Cousturier. I proprietari del Castello di Valle dal 1660 per 1 mila novecentoquarantaotto 1660-1.661 Peter Cousturier 1661-1720 Pierrede Geneste, del marchese Lair 1720-1724 Pierre-Gaston Lascasas L’1724-1747 S. ehamans (Jacques-François d’Hautefort e Jacques-François de Sales) 1747-1757 Marie-François des Cars 1757-1779 Val condominio (Louis Charles de Villelume Claude Josephde Naucoze, Jacques Louis Pestel) 1778-1779 Acquisto di 3 parti di Val Ignazio Dubois de Saint-Etienne 1779-1793 La Casa di Saint-Etienne il periodo rivoluzionario 1793-1805 1805 -1806 Gaspard de Saint-Etienne 1806-1813 Maestro Antoine Offroy Delga 1813-1814 Gaspard de Saint-Etienne 1814-1837 André Longueville 1837-1865 Louis Gauthier 1865-1883 Jules Souchard 1883-1898 Charlotte Smith-Souchard 1898-1948 La Maison d ‘ArcyDal 1660-1948 dal 1660 al 1948 diverse famiglie riuscì a proprietà del Castello. Una serie di eventi interessati a questo periodo, tra cui diversi restauri che hanno permesso la conservazione del castello: il primo restauro del Castello (1660-1685) Quando è diventato proprietario, Peter Cousturier ha intrapreso una serie di rimedi che si è rivelato necessario, ha rifatto compresi i muri di sostegno del tribunale di grado inferiore. Peter Cousturier rivenduto Val 18 Agosto 1661 presso il Hideout Marchese, valoroso soldato, che era fuggito in Val di due campagne, sarebbe quindi rendere la sua proprietà una serie di miglioramenti. Ha prodotto intorno al castello un giardino alla francese (progettato, si ritiene, da Le Nôtre) che ha lasciato come piattaforme e scale visibili a bassa diga di acqua. Ha anche vicini boschi, il parco ha detto che gli arcieri circondati da mura e proibiti da taglio legno. Il secondo restauro (1779-1793) Dal XVIII secolo, il Castello di Val era diventata inabitabile e completamente abbandonato, è caduto quasi in rovina. Poi è stato acquistato dal suo tre proprietari Ignazio Dubois SaintEtienne nel 1778-1779. Originariamente una città di mercato nel Cantal (SaintEtienne di Chomeil) e di nobiltà recente Ignazio Dubois Sain t-Etienne, in possesso di una vasta fortuna, ha acquisito molte proprietà nel quartiere e ricostruito compresi tutti della Signoria di Lanobre e Val. Nel rogito del 3 aprile 1779, con la quale il signor di Saint-Etienne è diventato il proprietario, si è constatato che il Castello di Val era in rovina. Prima di trasferirsi a Val, il nuovo inquilino ha dovuto investire 30 £ 000 da ripristinare. L’intero tetto doveva essere rifatto, la grande crepa davanti alla cappella, è apparso in alto nella parte inferiore della facciata della torre è stato bloccato, il salone è stato decorato con un grande camino in stile Luigi XVI, un bellissimo pavimento in parquet è stata posta . Castle Valley durante la Rivoluzione fino alla fine del 1790, la Rivoluzione ha avuto praticamente alcun impatto sulla vita del maniero di Val partire dal 31 dicembre, il signor di Saint-Etienne era presente al palazzo, come signore di Val, la nuova carica di la cappella. Ma la situazione è diventata sempre più tesa. Il signore di Val è stato arrestato e poteva sfuggire solo attraverso l’intervento degli agricoltori che lo teneva in grande considerazione. Suo figlio Gaspard e Margot ha fatto l’ esilio, ha visto la sua proprietà sotto sequestro nel 1793. I sigilli sono stati apposti alla porta del Castello, e Monsieur de Saint-Etienne è andato a trovare riparo in una famiglia di amici. Durante il periodo della Giunta e nonostante i sigilli, il castello fu saccheggiato, forse anche “accovacciato” di coscrizione refrattario che hanno trovato là un nascondiglio ideale. Tornata la calma, gli eredi di M. de Saint-Etienne ha rifiutato di accettare che la successione con beneficio di inventario. Ed 21 marzo 1805, il giorno dell’asta, Gaspard, il figlio maggiore, è andato acquirente del Castello di Valle per la Low $ 24 000 franchi. Il terzo restauro André Longueville, mercante Bort, divenuto proprietario del Castello 10 feb 1814, per il monumento iniziò un periodo di lento decadimento. Il nuovo proprietario ha cercato di sfruttare al massimo la sua acquisizione, abbracciando il futaient, vendita di tavole e travi. Con decisione del 1 ° dicembre 1837, Longueville è stato espulso dalla Val: questo era infatti un nuovo salvataggio del castello come se Longueville è stato mantenuto il titolo, avrebbe venduto le pietre delle torri. Fortunatamente per l’edilizia, il signor Gauthier ha acquistato con il suo campo e ha dedicato la sua intera fortuna per risolvere il problema e abbellirla. Ha arredato, dotato alcune vetrate, realizzate per decorare i murales da fumo, anche lui Superficie estesa, aggiungendo ad esso a poco a poco, le proprietà confinanti. Ahimè, dopo più di 25 anni della Val, problemi finanziari costrinsero il signor Gauthier in vendita. t e 21 luglio 1865, Sir Julius Souchard, Console di Francia a Boston, ha acquistato all’asta il castello e il suo dominio. signor Souchard seguito per i lavori di restauro ampiamente intrapresa dal suo predecessore. Ha continuato ad aggiungere alla zona di nuova terra, al punto che è diventato il più grande della regione, ha aperto la strada attuale e piantato un viale di alberi. Ha ristrutturato l’interno: il sa lon era coperto di Cordova parete in pelle e conteneva un Bacco attribuite a Rubens:. Camino gotico è stato installato, una sontuosa decorazione di ispirazione rinascimentale, con un sacco di oro, completando il tutto L’ultimo proprietario Sig. Souchard morto , Val tornò a sua moglie, che nel 1896 lasciò in eredità dalla volontà, la viscontessa d’Arcy, nipote di Sir Rouher, il primo ministro di Napoleone III, che aveva ricevuto il soprannome di vice-imperatore a causa della sua grande influenza sul imperatore.

0001

Dopo il morte di Mr. e Mrs. D’Arcy, Val tornò alla loro seconda figlia, Leontine D’Arcy, che sposò Sir Peter Hénaul t. espropriato da EDF nel 1946, il signor e la signora Henault lasciò il castello nel 1948. Hanno preso i bellissimi arredi logicamente lasciando stanze vuote. Il quarto ristorante. Dal 1949 ad oggi, senza la supervisione dalla fine del 1948, il castello fu saccheggiato dai ladri che hanno portato ju squ’aux tubi di piombo. Tuttavia, nel 1951, il Syndicat d’Initiative de Bort-les-Organi sono forniti protezione, installando lo stesso posto una guardia e la sua famiglia. Nel 1953, EDF ha prodotto una tassa nominale per il castello alla città di Bort e grazie alla insistenza di Sir Maurice George, presidente del Syndicat d’Initiative, e il signor Briggs, direttore regionale del FES, che acconsentì, inoltre, di costruire il vettore molo presente solo collegamento nazionale con la sponda ad alta acqua del serbatoio. L’ gestione è stata affidata al Syndicat d’Initiative, che si è trovata di fronte a un compito difficile sia dal espropriazione del 1948, il danno era aumentato.

0001

L’intervento di restauro in corso è stato intrapreso: il tetto della costruzione principale e le torri sono stati ricostruiti, tutta la muratura è stato rivisto, la grande torre d’ingresso è stato completamente ristrutturato e la grande scalinata e la cappella e il primo piano è stato completamente allungato tessuti per meglio evidenziare il arazzi di Aubusson, tavoli e altri mobili che sono stati acquistati lentamente, la Corte è stata resa più attraente e la passerella è stata ricostruita la sala “Maurice George”, dedicata a salvare Val, è stato convertito in comune, illuminazione esterna è stata sostituita per migliorare la notte, il castello sulla sua isola. Ogni estate è segnata da concerti di musica e grandi mostre d’arte, un fama internazionale, dando Val di un film a vivere fino alla sua reputazione. E per non parlare della manutenzione ordinaria effettuata ogni inverno da imprese locali e che ha coinvolto la coppia custode dedizione. Questo canale servirà a salvaguardare valle del castello ha conservato il monumento, il riconoscimento di questo lavoro è espressa dalla marea di turisti che vengono a scoprire con stupore.un camino gotico è stato installato, una sontuosa decorazione di ispirazione rinascimentale, con un sacco di oro, completando il tutto.

0001

L’ultimo proprietario sig Souchard morto, Val tornò a sua moglie, che nel 1896 lasciò in eredità dalla volontà, la viscontessa d’Arcy, nipote di Sir Rouher, il primo ministro di Napoleone III, che aveva ricevuto il soprannome di vice-imperatore a causa della sua grande influenza sul imperatore. Dopo la morte di Mr. e Mrs. D’Arcy, Val tornò alla loro seconda figlia, Leontine D’Arcy , che sposò Sir Peter Hénaul t. espropriati dal FES nel 1946, il signor e la signora Henault lasciò il castello nel 1948. Hanno preso i bellissimi arredi logicamente lasciando stanze vuote. Il quarto ristorante. Dal 1949 ad oggi, senza la supervisione dalla fine del 1948, il castello fu saccheggiato dai ladri che hanno portato ju squ’aux tubi di piombo. Tuttavia, nel 1951, il Syndicat d’Initiative de Bort-les-Organi sono forniti protezione, installando lo stesso posto una guardia e la sua famiglia. Nel 1953, EDF ha prodotto una tassa nominale per il castello alla città di Bort e grazie alla insistenza di Sir Maurice George, presidente del Syndicat d’Initiative, e il signor Briggs, direttore regionale del FES, che acconsentì, inoltre, di costruire il vettore molo presente solo collegamento nazionale con la sponda ad alta acqua del serbatoio.

0001

Ogni estate è segnata da concerti di musica e grandi mostre d’arte, un fama internazionale, dando Val di un film a vivere fino alla sua reputazione. E per non parlare della manutenzione ordinaria effettuata ogni inverno da imprese locali e che ha coinvolto la coppia custode dedizione.0001 Questo canale servirà a salvaguardare valle del castello ha conservato il monumento, il riconoscimento di questo lavoro è espressa dalla marea di turisti che vengono a scoprire con stupore. un camino gotico è stato installato, una sontuosa decorazione di ispirazione rinascimentale, con un sacco di oro, completando il tutto. L’ultimo proprietario sig Souchard morto, Val tornò a sua moglie, che nel 1896 lasciò in eredità dalla volontà, la viscontessa d’Arcy, nipote di Sir Rouher, il primo ministro di Napoleone III, che aveva ricevuto il soprannome di vice-imperatore a causa della sua grande influenza sul imperatore. Dopo la morte di Mr. e Mrs. D’Arcy, Val tornò alla loro seconda figlia, Leontine D’Arcy , che sposò Sir Peter Hénaul t.espropriati dal FES nel 1946, il signor e la signora Henault lasciò il castello nel 1948. Hanno preso i bellissimi arredi logicamente lasciando stanze vuote. Il quarto ristorante. Dal 1949 ad oggi, senza la supervisione dalla fine del 1948, il castello fu saccheggiato dai ladri che hanno portato ju squ’aux tubi di piombo. Tuttavia, nel 1951, il Syndicat d’Initiative de Bort-les-Organi sono forniti protezione, installando lo stesso posto una guardia e la sua famiglia. Nel 1953, EDF ha prodotto una tassa nominale per il castello alla città di Bort e grazie alla insistenza di Sir Maurice George, presidente del Syndicat d’Initiative, e il signor Briggs, direttore regionale del FES, che acconsentì, inoltre, di costruire il vettore molo presente solo collegamento nazionale con la sponda ad alta acqua del serbatoio.

????????????????????????????????????????

La gestione è stata affidata al Syndicat d’Initiative, che si è trovata di fronte a un compito difficile sia dal espropriazione del 1948, il danno era aumentato. L’intervento di restauro in corso è stato intrapreso: il tetto della costruzione principale e le torri sono stati ricostruiti, tutta la muratura è stato rivisto, la grande torre d’ingresso è stato completamente ristrutturato e la grande scalinata e la cappella e il primo piano è stato completamente allungato tessuti per meglio evidenziare il arazzi di Aubusson, tavoli e altri mobili che sono stati acquistati lentamente, la Corte è stata resa più attraente e la passerella è stata ricostruita la sala “Maurice George”, dedicata a salvare Val, è stato convertito in comune, illuminazione esterna è stata sostituita per migliorare la notte, il castello sulla sua isola.

0001

Annunci