Tag

,

Situato a strapiombo su un’altura che domina la riva sinistra della Dora Baltea ed il sottostante centro abitato di Saint-Pierre, il castello è stato costruito verso il 1000. Ha subito nel tempo varie trasformazioni d’uso, con aggiunta di corpi. L’esame stilistico e tipologico indica una attività costruttiva continua, parallela al succedersi di proprietari, che si protrae fino al XVII secolo, quando il barone Pierre-Leonard Roncas acquista il castello e ne attua l’ampliamento. Nel 1873 gli subentra il barone Emanuele Bollati, che apporta gli ultimi restauri. Nel 1952 il castello diviene proprietà del comune di Saint-Pierre: Dal 1975 ospita il museo di storia naturale.

Le origini di questo maniero-fortezza risalgono addirittura all’epoca romana, grazie a reperti ritrovati a seguito di scavi archelogici. Questo castello ha una struttura che si sviluppa quasi tutta in verticale e, grazie alla presenza di quattro alte torrette circolari, pare ancora più slanciato verso l’alto, assumendo un’aria un pò fiabesca. Questo tipo di architettura però è dovuta ai vari rimaneggiamenti avvenuti nell’800. Il castello di Saint Pierre è ora ben conservato soprattutto grazie ai lavori di restauro voluti da Emanuele Bollati nella seconda età dell’800.

Annunci